fbpx

Quando si entra in polizia nel mio camper?

Di: Áreas Autocaravanas - Inserito: 12 Novembre, 2019

Quando può entrare la polizia nel mio camper?"È una domanda che tutti abbiamo in mente quando entriamo in un posto di blocco della polizia. Chiariamo: tutti i camper sono classificati come veicoli domestici. Cioè, per scopi pratici è la nostra casa. La legislazione è chiara al riguardo. Ma ci sono persone che prenderebbero questo caso come una violazione della privacy o di un reato contro il diritto alla privacy. Hanno ragione o no? Possono entrare in questo modo per il bene?

No, ma possono inserire i seguenti casi

Se si sospetta che trasportano materiale illegale Come:

  • Armi
  • Farmaci
  • Esplosivi

Oppure ci dedichiamo ad attività come:

  • Il traffico di persone
  • Il traffico di specie protette

In questi casi, possono.

Cosa possiamo fare se ci dicono di aprire la porta per entrare?

Qui possiamo distinguere due casi diversi ma con una soluzione simile:

  • Il caso di trovarti a passare la notte (parcheggiata correttamente) su strade pubbliche, e la polizia ti chiede di consentire loro di entrare nel tuo camper sostenendo la presunta illegalità (per confusione della polizia) del campeggio con parcheggio con l'idea di verificare se stanno dormendo dentro. Questo caso è improbabile, ma se sei preoccupato, puoi sempre riservare lo spazio per il pernottamento.
  • L'altro caso, più probabile, è entrare con il nostro camper in un controllo di polizia mentre stiamo guidando.

In questi casi, hai due opzioni:

A. Nega loro l'accesso sostenendo che si tratta di un veicolo domestico, nel qual caso, se hanno forti sospetti che stai trasportando qualcosa di illegale, possono trattenerti e richiedere un ordine del tribunale per accedere, e nel frattempo sarai immobilizzato con la famiglia fino all'arrivo dell'ordine e loro possono entrare.
B. Lasciali entrare Se non hai niente da nascondere Dai il tuo consenso e ti salvi dall'essere fermato. Alla fine della giornata, fanno solo il loro lavoro (non preoccuparti se non hanno l'interno della tua macchina pronto per una visita, hanno visto di peggio)

E c'è differenza tra la cabina del veicolo e l'ID?

Una cosa diversa è l'abitacolo del veicolo, che non è considerato parte della casa. Pertanto, possono entrare senza la necessità di quanto sopra.

Cosa succede in caso di emergenza o in caso di eccezione?

Questo caso di solito non è molto comune, ma potrebbe accadere. Il governo decreta un avviso di emergenza o un regime di eccezione (nel qual caso vengono sospesi alcuni diritti), ad esempio un allarme terroristico, e crea un cordone di polizia (attacco, allarme bomba, fuga di un terrorista o di un sospetto pericoloso ...). In questo caso Non hanno bisogno di un ordine del tribunale, possono entrare con tutte le leggi.

Ma se entro a un posto di blocco della polizia, mi chiederanno di entrare?

Dalla mia esperienza e da altri camper con cui ho parlato, quando si sono trovati ai controlli di Polizia o Guardia Civile, hanno solo chiesto documentazione e non hanno mai chiesto di entrare all'interno. Ma chi lo sa?

Dati legali, condanne e altre situazioni

Sono sempre più numerose le frasi in cui si afferma che un camper può avere lo status di domicilio perché in esso si sviluppa la privacy dei suoi occupanti. Non dà per scontato che sia sempre e comunque così

Sentenza: n. 621/2012 del 26/06/2012 Camera penale della Corte suprema:

“Nell'appello si afferma che, poiché il camper ha le caratteristiche ideali dell'abitazione, avrebbe dovuto essere richiesto l'apposito ordine di iscrizione e di immatricolazione e, poiché non è stato eseguito, tale diligenza è nulla. Si tratta di una censura già formulata in giudizio e risolta nella sentenza in senso contrario a quanto richiesto dal ricorrente.

A p. 30 della frase dice:

«… .Nella carovana, che non era un domicilio ma un mezzo di trasporto, sono intervenuti….».
Che un camper possa avere lo status di domicilio perché in esso si sviluppa la privacy dei suoi occupanti, non significa che sempre e in ogni caso è così. Al contrario, si dovrà verificare se nel caso specifico perseguito, insieme al trasporto, si sia sviluppata al suo interno la vita privata dei suoi occupanti.

Ovviamente qui non è stato così, dal momento che il camper è stato ritirato da un campeggio e il viaggio dalla Catalogna alla zona industriale di Polvoranca a Leganés -Madrid- è stato effettuato in un solo giorno, e ritorno con il carico di cocaina al punto dove sono stati trattenuti dalla polizia, la quale è stata a conoscenza dell'operazione attraverso il relativo monitoraggio e sorveglianza dell'operazione, come risulta dai fogli 916 e seguenti del volume II dell'istruzione, soprattutto se si tiene conto che, come affermato in la frase –p. 29–, quando la roulotte è stata fermata dalla polizia, e l'autista ha aperto la portiera –Xavier E.– gli stessi agenti di polizia hanno potuto osservare dall'esterno alcuni pacchi avvolti in modo simile a come viene confezionata la cocaina.

Non c'era stata Alcuna violazione accuse».

Inoltre, troviamo la possibilità di registrare la carovana in zona doganale, come previsto dalla Legge Organica 12/1995, del 12 dicembre, sulla repressione del contrabbando:

L'articolo 16.1, che tratta dei poteri in materia di riconoscimento e registrazione dei servizi doganali che questi, nell'esercizio delle loro funzioni di controllo e sorveglianza, può essere fatto per il riconoscimento e la registrazione di qualsiasi veicolo o mezzi di trasporto, roulotte, pacchetto o pacchetto.

Giurisprudenza della Seconda Sezione della Corte di Cassazione, con sentenza 5761/1995 che ritiene che una carovana in cui una persona ha il proprio domicilio, anche provvisoriamente, sia sotto la tutela dell'articolo 18.2 della Costituzione.

Questa dottrina logicamente è estesa alla zona della stanza di un camper, in cui pur essendo insieme vano guida e modulo abitacolo, sono zone diverse dello stesso veicolo. Tutto questo indipendentemente dal fatto che la roulotte o il camper sia accampato o in movimento.

Anche così, recenti sentenze come STS 1165/2009, del 24 novembre, hanno chiarito che la considerazione del domicilio è condizionata da due elementi:

a) Che il furgone, camper o roulotte, nella sua parte abitabile, abbia quanto necessario o indispensabile per costituire la residenza di un utente: camera da letto, cucina ... Ovvero, è adibito a dimora.
b) Che qualcuno decida di usarlo e la uso per quello scopo, anche se temporaneamente o accidentalmente.

Vale a dire che oltre ad essere una roulotte o un camper, deve assolvere a quella funzione, perché immaginiamo il caso di una roulotte senza mobili o di un camper a cui mancano mobili, cucina, letto ... o elettrodomestici dove la vita può essere vissuta. Questi casi non sarebbero considerati domicilio e quindi non godono di un diritto fondamentale della inviolabilità previsto dall'articolo 18.2 della Costituzione spagnola.

L'operatore di zona o la cabina è diverso

Sono equiparate ad un veicolo e, quindi, secondo la dottrina ribadita della Corte Suprema, le automobili, in quanto di proprietà domenicale, sono prive della tutela della privacy prevista dall'articolo 18.2 della Costituzione, quindi la loro immatricolazione non deve essere soggetta ai requisiti di cui all'art. 545 e seguenti del Codice di procedura penale.

Conclusioni

Quindi, si può concludere che Una roulotte o la parte abitabile di un camper attrezzata per essere utilizzata come abitazione ed effettivamente utilizzata a tale scopo, anche temporaneamente, gode della speciale protezione di inviolabilità che emana dall'articolo 18.2 della Costituzione spagnola., per i quali l'iscrizione e la registrazione degli stessi necessita o del consenso del titolare, o dell'autorizzazione giudiziaria, oppure il verificarsi di uno dei casi previsti dall'art. 553 Lecrim che sono, a titolo di esempio: che la persona sia colta in flagrante delicto o che un delinquente, immediatamente perseguito dagli agenti dell'autorità, si nasconda o si rifugi al suo interno.

Anche così, dopo aver esposto tutto, troviamo che la recente modifica della Legge Organica 12/1995, del 12 dicembre, sulla Repressione del Contrabbando, operata dalla Legge Organica 6/2001, stabilisce nell'articolo 16.1, che tratta della Competenze in materia di riconoscimento e registrazione dei servizi doganali che questi, nell'esercizio delle loro funzioni di controllo e sorveglianza, possono effettuare il riconoscimento e l'immatricolazione di qualsiasi veicolo o mezzo di trasporto, roulotte, collo o collo. "

Suggerimenti finali

  • Trattare le forze di sicurezza con educazione e rispettoFanno solo il loro lavoro. In questo modo anche loro ti rispetteranno.
  • Se richiedono documentazione, non essere nervosoe mostraglielo.
  • Se non hanno niente da nascondere, basta lasciarli passare e prima che si sarà in grado di seguire il suo percorso.
  • Anche se non sono d'accordo con la tua prestazione, non protestare, aspetta che finiscano l'azione di polizia mostrare il proprio dissenso in un educato.

Notizie correlate:

Scrivi un commento:

0 commenti

Invia un commento

0